Off-Line Data Processor e Off-Line Scenario Simulator per RIME

Nell'ambito delle attività dell'Agenzia Spaziale Italiana per la realizzazione del radar sottosuperficiale RIME (Radar for Icy Moons Exploration) per la missione JUICE dell' ESA, CO.RI.S.T.A. si occupa dell'esecuzione di due software per la simulazione dei dati grezzi prodotti dal radar e del loro relativo processing nel team di Thales Alenia Space Italia.
RIME è il radar scelto per la missione JUICE (JUpiter Icy moons Explorer), una delle missioni più importanti del programma Cosmic Vision 2015-2025 dell'ESA, la cui finalità è lo studio del pianeta Giove e dei suoi satelliti ghiacciati. RIME è un radar a penetrazione ottimizzato per l'esplorazione di Ganimede, Europa e Callisto fino ad una profondità di 9 km per ricerche geologiche e geofisiche del sottosuolo di queste lune ghiacciate e per individuare l'eventuale presenza di acqua sotterranea.
Le attività di ricerca del progetto possono essere suddivise essenzialmente in due fasi:

  • Off-line Scenario Simulator
  • Off-Line Data Processor
Per ognuna delle attività suddette è prevista una fase di definizione degli algoritmi quindi di implementazione, codifica e test.
CO.RI.S.T.A. vanta una notevole esperienza nel campo della simulazione di dati grezzi, maturata soprattutto con le missioni MRO-SHARAD ed EXOMARS. per lo sviluppo di simulatori off line e real time.
Il progetto RIME è iniziato ad ottobre 2016 e durerà sei mesi.


  

JUICE - Credit ESA


JUICE


JUICE - JUpiter ICy moons Explorer è la prima missione importante del programma Cosmic Vision 2015-2025 dell'ESA, il cui lancio è previsto nel 2022 con arrivo al pianeta Giove nel 2030. La missione durerà almeno tre anni per effettuare dettagliate osservazioni dell'enorme pianeta gassoso ed altri tre anni per le sue lune più grandi: Ganimede, Callisto ed Europa.
Juice porterà gli strumenti di telerilevamento, geofisici ed in situ più potenti e tecnologicamente avanzati mai utilizzati per l'osservazione del Sistema Solare esterno. Si tratta di dieci strumenti più uno sperimentale che utilizza il sistema di telecomunicazione della navicella spaziale con strumenti da terra. Questo insieme di payloads permetterà di realizzare tutte le finalità della missione, dalle misurazioni in situ dell'atmosfera e del plasma di Giove, alle osservazioni remote della superficie e dell'interno delle sue tre lune ghiacciate.
In particolare vi sono due strumenti geofisici, un laser altimetro (GALA) ed un radar sounder (RIME) per l'esplorazione della superficie e del sottosuolo delle lune.



Articoli di CO.RI.S.T.A. sull'argomento:

  • Alberti, G.; Mattei, S.; Seu, R.; Bruzzone, L.; Ferro, A.; Orosei, R.; Olivieri, A.; Catallo, C. "Preliminary performance of Sub-Surface Radar for the EJSM/Laplace mission", Ground Penetrating Radar (GPR), 2010 13th International Conference on, Issue Date: 21-25 June 2010.       
  • Bruzzone, L.; Alberti, G.; Catallo, C.; Ferro, A.; Kofman, W.; Orosei, R. "Subsurface Radar Sounding of the Jovian Moon Ganymede", Proceedings of the IEEE, Issue Date: May 2011.       
  • G. Alberti 1, Y. Berquin 2, B. Cecconi 3, L. Bruzzone 4, W. Kofman 2, A. Herique 2, P. Schenk 5, M.R.Santovito1 1 CO.RI.S.T.A., Naples, Italy, (alberti@unina.it) 2IPAG (UMR 5274), UJF-Grenoble 1/CNRS-INSU, Grenoble, France, 3 LESIA (UMR 8109), Observatoire de Paris/CNRS-INSU/UPMC, France, 4 Dept. of Information Engineering and Computer Science, University of Trento, Italy, 5 Lunar and Planetary Institute, Houston (TX), USA: "Sub-Surface Radar for the EJSM mission: discussion on environmental noise limiting performance", EPSC-DPS Joint Meeting 2011 La Cité Internationale des Congrès Nantes Métropole 02 – 07 October 2011, Nantes, France.      
  • L. Bruzzone 1 , J.J. Plaut 2 , G. Alberti 3 , D.D. Blankenship 4 , F. Bovolo 1 , B.A. Campbell 5 , A. Ferro 1 , Y.Gim 2 , W. Kofman 6 , G. Komatsu 7 , W. McKinnon 8 , G. Mitri 9 , R. Orosei 9 , G.W. Patterson 10 , D. Plettemeier 11 , R. Seu 12, 1 DISI, University of Trento, Trento, Italy, e-mail: lorenzo.bruzzone@ing.unitn.it, 2 JPL/CALTECH, Pasadena, CA, US, 3 CORISTA, Naples, Italy, 4 Institute for Geophysics, University of Texas at Austin, US, 5 Smithsonian Institution, Center for Earth and Planetary Studies, DC, US, 6 Institut de Planetologie ed d’Astrophysique de Grenoble IPAG CNRS/UJF, France and Space Research Center of PAS, Warsaw, Poland, 7 IRSPS, Pescara, Italy, 8 Washington University in St. Louis, Saint Louis, MO, US, 9 IAPS/IFSI, Rome, Italy, 10 Johns Hopkins University/APL, Laurel, MD, US, 11 Technische Universität Dresden, Dresden, Germany, 12 University of Rome “La Sapienza”, Rome, Italy "RIME: RADAR FOR ICY MOON EXPLORATION ", IGARSS 2013, 21-26 luglio 2013, Melbourne Australia.       

    Tesi sviluppate sull'argomento:

  • "Europa Jupiter System Mission: orbital analysis of Jupiter Ganymede Orbiter", tesi sviluppata da Armando Marotta, anno accademico 2008-2009, Seconda Università di Napoli, Facoltà di Ingegneria, Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale.      






Per approfondimenti contattare:

Gianni Alberti
giovanni.alberti@corista.eu
tel. 081 5935101